h1

quando i racconti dei vecchi diventano reali

24/01/2010

Non ho mai sottovalutato la potenza dei film, ma questo non mi era ancora capitato.

Come tutti sapete, sono nato e cresciuto in un paese in provincia di Reggio Emilia ai piedi dell’Appennino. Ho due nonni milanesi ormai morti, ma vivo con gli altri due nonni emiliani, fortunatamente vivissimi.

Mio nonno ha quasi 80 anni e quando è scoppiata la Seconda Guerra Mondiale ne aveva 10. Dai 13 ai 14 anni ha assistito ai bombardamenti sul paese, che era un nodo strategico per via del ponte sul fiume. E a 15 anni ha visto la Guerra finire.

Mia zia, sua sorella, è morta l’anno scorso. Lei di anni ne aveva 17 quando è scoppiata la Guerra. Ha visto il suo “promesso” partire per andare sulle montagne e non tornare più. Ha visto i tedeschi puntare fucili addosso alla gente. Ha visto una famiglia di ebrei chiedere al mio bisnonno di tenere la loro roba in cantina, mentre loro si andavano a rifugiare in luoghi più sicuri. Non sono più tornati.

Tutte queste storie per me sono racconti lontani nel tempo, una sorta di tradizione orale rigorosamente dialettale che i vecchi tramandano ai giovani per non farli dimenticare che pochi decenni prima l’Italia era un altro paese, che c’è stato un periodo terribile durante il quale non ci si poteva fidare neanche del vicino di casa, una vera e propria guerra civile. Chi partiva per le montagne, chi si faceva i fatti suoi, chi andava a Salò. Chi moriva.

Vedere tutto ciò sullo schermo, nella crudezza e nel realismo di una pellicola che non contiene retorica ma che racconta come si svolgevano i fatti, dalla vita quotidiana di una famiglia come poteva essere la mia al racconto di una strage gratuita e atroce come quella di Marzabotto. E sentirlo per di più in una lingua familiare, che assomiglia decisamente troppo alla lingua di chi mi raccontava (e mi racconta) questi avvenimenti. Non so, ha una forza enorme che ti scuote e ti fa finalmente realizzare che cosa sia la guerra.

Andate a vedere “L’uomo che verrà”. Fa male, ma serve.

Annunci

7 commenti

  1. Mio nonno è stato in campo di concentramento per un anno, è tornato a casa a piedi quando la guerra è finita.
    Mia nonna non l’ha riconosciuto quando è arrivato.

    Ricordo una volta, ero ancora un bambino, che per scherzo ho detto una di quelle frasi stupide che solo i bambini dicono “vorrei ricominciasse la guerra”.
    Mia nonna mi ha dato uno schiaffo, l’unico che mi ha dato in tutta la sua vita, e piangendo mi ha detto “non dire mai più una cosa come questa”.

    E’ importante non dimenticare mai.

    Andrò sicuramente a vedere questo film, poi ti dirò.


  2. Mi viene in mente una cosa.
    Non so se to lo avevo già detto (ormai l’arterio galoppa. Qualche tempo fa alcuni tuoi coetanei/conterranei (Marco Righi e Cosimo Bizzarri)hanno girato un bel documentario con i pochi partigiani supersiti di San Polo.Si chiama “Abbasso il duce”. L’hai mai visto? Una volta si scaricava anche da qui http://www.arcoiris.tv ma ora non lo trovo piu’. Se lo trovi, circola anche in DVD, vale la pena! Un po’ clippettaro per i miei gusti, ma nella sostanza apprezzabilissimo.


    • Non lo conosco, ma i film sui partigiani tutti sbrodoloni “oh come sono stati bravi” mi stanno un po’ sulle balle, tendono ad idealizzare. E visto che i partigiani di San Polo li ho conosciuti….. vabbè lasciamo perdere 🙂


      • Ma è proprio questo il lato apprezzabile…la totale assenza di retorica. Una cronaca di fatti quotidiani che diventano involontariamente speciali, sopratutto per chi come noi non li ha vissuti. Insomma sono uscito con il “magone” proprio la semplicità della narrazione di questi bei vecchietti che stanno davanti alla telecamera con totale padronanza…Giovinetti di oggi passano centinaia di ore in corsi per attori e gli fanno un baffo ai nostri! Quando hai qualcosa da dire…è semplice. Questo è molto raro oggi! Va beh. Perdona la logorrea.

        A.


  3. bellissimo quel film…purtroppo distribuito male e poco,ovviamente


  4. alla fine lo trovai…se interessa…(vedi il precedente commento)

    http://www.arcoiris.tv/modules.php?name=Search&testo=abbasso+il+duce&tipo=testo


  5. Ciao ragazzi, ci fanno molto piacere i vostri apprezzamenti sul documentario.
    Se volete avere delle copie del documentario scrivete a: info@indiosmundo.reggio-emilia.it – sono il circolo Arci che ci ha prodotto;
    ve lo spediscono. Abbasso il Duce.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: