h1

Elezioni 2013: non votare con il culo

21/02/2013

h1

almost there

05/11/2011

almost there

h1

a few days after

11/09/2011

É passata una settimana dal mio ritorno nel Bel Paese. No, non intendo il formaggio, intendo quel paese in cui, secondo un personaggio di una nota sit-com americana, tutti gli uomini sono gay a causa della forma di stivale.

Bene, con le colte citazioni abbiamo terminato.

Dicevo, sono tornato. Sabato scorso ho passato alcune ore tra gli aeroporti delle due capitali iberiche per poi atterrare a Bologna e respirare un po’ di umidità. Che non mi mancava affatto.

Mi sto abituando adesso a sentir parlare italiano intorno a me. Fino a pochi giorni fa entravo in crisi, perché captavo e capivo tutte le frasi delle persone attorno a me, senza riuscire a concentrarmi sull’interlocutore. Troppe informazioni che il mio cervello non era più abituato a bloccare, dopo mesi passati a sentire parlare solamente portoghese nei dintorni.

Il rientro è stato meno traumatico di quanto pensassi, nel complesso. Certo, tenho saudade, ma probabilmente era giunto il momento. Come tempismo questo 2011 non scherza, ma mi sto fidando delle mie sensazioni e finora sta andando bene. Anzi, benissimo. Non so, forse nell’acqua emiliana è disciolto un po’ di Prozac, o forse Lisbona mi ha fatto molto bene. O entrambe.

Riguardo le foto del Portogallo e ricordo ogni singolo momento. Questo è buono, perché è stata un’esperienza bellissima che è finita, ma che mi accompagnerà sempre. Ogni volta che ascolterò una canzone portoghese mi ricorderò dei miei splendidi capi in studio; ogni volta che vedrò una bandiera brasiliana mi tornerà in mente la simpatica cameriera del bar di Alcobaça, dove sono stato accolto con un sorriso e un “boa tarGI” che neanche a Rio de Janeiro parlano così. Ogni volta che guarderò il Mediterraneo mi sembrerà decisamente troppo calmo e caldo, mentre ogni volta che guarderò l’orizzonte ricorderò l’aria tersa e i cieli azzurri che mi hanno accompagnato in quella splendida città.

A esperienza finita, e viaggio finito, posso ufficialmente e senza tema dichiarare che è stata forse la miglior cosa che abbia mai fatto.

Ora mi ritrovo di nuovo in Emilia, nel luogo da cui periodicamente cerco di scappare, a guardare campi verdi e verdi colline, strade con portici e profumo di mosto. Non è così male infine, è solo diverso.

E oltretutto è diverso rispetto ad aprile. Sono cambiate molte cose, io in primo luogo.

Da martedì sono tornato al vecchio studio, che mi ha ri-accolto a braccia aperte. Sono tornato al vecchio lavoro e ai vecchi colleghi, ma con alcune novità (giustamente nel frattempo le cose non sono rimaste congelate): due colleghi nuovi, un reggiano e una giapponese, e due colleghi dimissionari.

Detto questo, ovvero che sono vivo e a Reggio Emilia, vado ad aggiornare quelle due righe qua di fianco, dove si dice che vivo a Lisbona. Non corrispondendo più al vero, rettificherò.

h1

last day in lisbon

24/08/2011

Ok, ci siamo. Mi manca una notte a litigare con Amália Rodrigues e i suoi estimatori del piano di sotto. Domattina ho un “intercidade” (l’alfa-pendular era pieno) per Porto. Qualche giorno lassù a verificare se effettivamente è tanto bella quanto dicono, più bella di Lisbona. Ho i miei dubbi, sicuramente è una città splendida e affascinante, ma non ha l’apertura di Lisbona.

Ieri sono andato al Cristo Rei, la copia del Cristo di Rio de Janeiro. Ho preso il traghetto per attraversare il fiume e ho attraversato a piedi tutta la città (enorme) che si stende al di là del fiume, invisibile ai lisboeti, perché al di là di una scarpata verdissima. Da Lisbona, Almada si intravede soltanto; solamente il gigantesco (e affascinante) carroponte rosso, che finché non ti ci trovi sotto non ti rendi veramente conto che no, non è un gioco prospettico, è davvero più alto del condominio di quindici piani che vedi lì vicino. Almada è la periferia, una delle tante, di Lisbona. Non è bella, non ha un centro storico (anche se ho letto delle indicazioni “Almada Velha”, ma se esiste si tratta di un paio di vie). Solo un grande viale su cui passa un modernissimo tram, con tantissimi negozi e una bella piazza delineata tra condomini che sembrano la periferia di Milano nei suoi momenti peggiori. Palazzi altissimi e decorati da un numero esorbitante di condizionatori (non ho capito il perché, visto che non ce n’è bisogno).

In fondo all’Avenida centrale di Almada comincia la salita alla collina del Cristo Rei. Pensavo peggio. O forse è perché quando arrivi in alto dimentichi la fatica e il sudore. Il panorama è indescrivibile. Il ponte di scorcio, comincia proprio lì sotto, alla base della collina, e si infila nella collina di fronte, al di là del Tejo, il parco del Monsanto: una macchia verde in un diffuso biancore di case illuminate dal sole limpido dell’estuario.

Si vede tutto. Si vede l’altro ponte, seminascosto dalle colline della città; il Castello e Alfama, il porto e la stazione, Praça do Comércio, Alcântara e, al di là del ponte, Belém. Il monumento ai Descobridores, così alto e slanciato da sotto, sembra un pezzo di Lego al confronto dell’enorme struttura del ponte. Da là ti accorgi che quello che probabilmente ti mancherà di questa città incredibile non è tanto la sua bellezza architettonica, il suo fascino sgarrupato, la gente, gli odori. Quello che ti mancherà di più è l’apertura verso un orizzonte. Il fiume, il suo enorme estuario, la sensazione di grandezza.

Un po’ come Manhattan, la sensazione era quella. Vedere questa città grandissima, che si adagia ai lati di una vasta distesa d’acqua. E l’acqua bordata su ogni lato da edifici, porti, strade.

Il fatto strano è che io, essendo padano, non sono abituato alla limpidezza dell’aria. E riuscire ad abbracciare con lo sguardo tutto questo spazio, dal promontorio di Meco a Sud alla Serra da Sintra a nord, dall’Oceano a ovest al fiume a est, è strano. Sembra un modellino. La stessa sensazione che ho avuto atterrando ai primi di agosto, in notturna, riconoscendo con le luci la città, ma associandola più a un disegno, un cartone animato, un modellino splendido.

Ok, vado a finire la valigia. E domani andiamo ad esplorare posti nuovi in questo minuscolo paese.

Se troverò internet nel mio cammino vi aggiornerò. In caso contrario ci si risente a settembre, dall’Italia.

h1

voglia di autunno

22/08/2011

Sarà che Lisbona da tre giorni è sormontata da montagne e montagne di nuvole grigie. Sarà che da oggi la città ha cominciato a ripopolarsi dei suoi abitanti e si sente parlare un po’ più portoghese e un po’ meno italiano, spagnolo e inglese. Sarà che fa freschetto e da quando sono tornato non ho tutta ‘sta voglia di andare in spiaggia. Sarà che a me l’estate dopo un po’ mi stanca, che alla fine sono sempre stato affezionato alla pioggia e al cielo grigio. Sarà che nei prossimi mesi si aprono prospettive diverse, vedi piccolo indizio. Sarà che ho freddo ai piedi.

Non so perché, ma ho voglia di autunno.

(Lo so che in Italia ci sono quaranta gradi e si crepa, non prendetevela)

h1

pornplane loading

18/08/2011

Back to the future, stamattina. Le due colleghe dello studio italiano sanno benissimo da dove sto scrivendo.

Ho organizzato il mio piano diabolico in poche semplici mosse:

Mossa nr. 1. Settimana da turista in giro per Lisbona, a vedere tutto ciò che non ho visto mentre ci lavoravo e rivedere cose che mi sono piaciute. Tipo ieri Fundação Gulbenkian; oggi mi attraverso a piedi mezza città e vado alla Mae d’Agua, e se non è tardissimo faccio un giro al Jardim Botanico; domani vediamo.

Mossa nr. 2. Raccogliere i miei venti chili scarsi di valigia, lasciare la casa lisboeta (questa qua sicuro per sempre, basta ristoranti turistici e musicanti che suonano “bella ciao” sotto la mia finestra), prendere un treno per Porto e starci qualche giorno.

Mossa nr. 3. Ri-raccogliere i miei venti chili scarsi di valigia, caricarli su una macchina all’aeroporto di Porto e portarli a vedere un po’ di Portogallo. Non so, tipo Braga, Coimbra, l’Alentejo, l’Algarve. E ovviamente quando capita una deviazione si va ad esplorare la costa, che a denudarsi per infilarsi il costume ci vuole sempre poco.

Mossa nr. 4. Riportare la macchina all’aeroporto di Lisbona giusto in tempo per il volo di ritorno verso quella specie di sauna chiamata Pianura Padana. Per quanto tempo non si sa, staremo a vedere.

Nel frattempo ho rubato al coinquilino belga un paio di giga di musica, che ha una collezione jazz sterminata (ma anche bossanova). Così in queste sere lisboete, invase dai turisti e giustamente evitate dai portoghesi (sempre che ne sia rimasto qualcuno in città, cosa di cui dubito seriamente) ho da fare a crearmi le playlist per il viaggio.

That’s all folk, ci si risente dopo il mio genetliaco, perché non avrò tempo per scrivere fino a Porto, e da Porto in poi non credo che troverò internet con tanta facilità.

h1

elogio della follia

15/08/2011

Una delle cose più difficili da scrivere e da descrivere è un’esperienza. Non sono in grado di trasmettere attraverso una tastiera le sensazioni che si provano quando si entra in contatto, seppur per pochissimo tempo, con una realtà parallela come quella delle malattie mentali.

Non so, forse è il fatto che ho ricevuto molta umanità, molto calore. Non sono tanto abituato. Ma queste persone, con la loro ingenuità, e la loro purezza, sono in grado di regalare tantissimo a quelli che li circondano.

A volte basta un semplice grazie, detto in un modo un po’ goffo e scoordinato, ma detto nel momento più inaspettato. Non siamo più abituati ad essere ringraziati davvero. La parola “grazie”, o come dicono qua “obrigado”, è una parola di circostanza. “Grazie e arrivederci”, non significa nulla. Si tratta di un modo di dire.

“Obrigado” significa “ti devo qualcosa, ti sono obbligato”. Che significa molto di più di “grazie”, è molto più intimo. Più formale, se vogliamo, come solo il portoghese riesce a essere formale.

Obrigado.

No, non riesco a scrivere niente altro. Ma, spesso, la quantità è una fregatura.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.